Inizia la scuola: educazione alla salute

Perchè può interessare i comitati genitori?

L’educazione alla salute non è solo l’introduzione ai temi della prevenzione, ma la capacità di promuovere nei ragazzi e nelle ragazze una ‘forza’ personale, collettiva, comunicativa, critica, emotiva che consenta loro di affrontare meglio ogni situazione ed ogni rischio. Un percorso continuo per crescere come persone. Una finestra dovrebbe essere aperta in ogni consiglio di classe. 

Il documento di ATS Bergamo

ATS di Bergamo ha inviato a tutte le scuole il  Documento scuola ATS BG 01.09.2020 + allegato aggiornato che contiene linee di indirizzo per la prevenzione e la protezione da considerare per ridurre i rischi di contagio in ambito scolastico. E’ diviso in paragrafi e offre indicazioni che riguardano i locali e le condizioni di salubrità, di igiene e disinfezione, la revisione del documento di analisi dei rischi e dei piani per l’evacuazione, la presenza di personale o di allievi in condizioni di “fragilità”, gli adempimenti importanti, la gestione dei casi sospetti a scuola,…una serie di indicazioni anche operative. Un paragrafo è dedicato agli aspetti emotivi che si presenteranno a scuola.

Si tratta di tenere presente che il benessere emotivo, psicologico personale sono una premessa all’apprendimento. Incolliamo qui il paragrafo, che riporta la possibilità di chiedere ad ATS materiali per i docenti che vogliano sostenere con attività interattive le competenze di vita dei loro studenti ed i riferimenti per contatti.

Rientro a scuola e impatto emotivo.

L’anno scolastico che sta per iniziare sarà sicuramente molto differente dai precedenti. Non solo per le nuove regole e procedure necessarie a ridurre i rischi di contagio, ma anche per l’impatto emotivo che la pandemia, il lockdown, le incertezze sul futuro, la nuova organizzazione scolastica hanno e avranno per tutte le componenti della comunità scolastica. Diverse ricerche sullo stato di salute evidenziano maggiori livelli di stress psicologico, con conseguente aumento di stati d’ansia, depressione, disturbi del sonno, sbalzi di umore, paure, tensione, irritabilità, rabbia e conflitti personali.
A tutto ciò, per studenti, docenti e genitori si sono aggiunte le fatiche della Didattica A Distanza (DAD) e della forzata interruzione della relazioni sociali che la frequenza della scuola garantiva, di cui ben si conosce l’importanza per i ragazzi. L’avvio della scuola sarà quindi caratterizzato sia dalla grande attenzione al rispetto delle procedure necessarie ad evitare il contagio (disponibile poster relativo al corretto lavaggio delle mani da utilizzare nei bagni e nelle loro pertinenze), sia dalla diffusa esigenza dei docenti di recuperare gli aspetti didattici non trattati nello scorso anno, a causa delle difficoltà insite nella DAD.
Va tuttavia segnalato il rischio di perdere di vista quanto sopra descritto rispetto agli aspetti emotivi e psicologici della popolazione scolastica nel suo insieme. Al riguardo ATS può offrire, oltre ai consueti programmi di promozione della salute, ovviamente adattati alla situazione attuale, alcuni strumenti agili, utilizzabili nell’immediato, che aiutano i docenti a stimolare e sviluppare le abilità di vita degli allievi e che possono facilitare il superamento delle difficoltà del momento.
In particolare sono disponibili una serie di schede (“pillole LST”, schede “Quick UNPLUGGED”, nuovi materiali dedicati di Giovani Spiriti) utilizzabili dai docenti, che descrivono semplici attivazioni, realizzabili anche a distanza, per intervenire su questi temi con metodi attivi e coinvolgenti.
Alcuni di questi materiali sono peraltro già stati utilizzati da diverse scuole durante il lockdown, con buoni risultati.

Esempi di progetti con materiali già pronti

Alcuni esempi, non esaustivi, sono:
• proposte di semplici attivazioni per il contenimento dell’ansia, dello stress e della rabbia;
progetti di auto-miglioramento per facilitare l’adattamento alla nuova situazione;
• proposte di analisi delle comunicazioni e dei messaggi mediatici, per trattare il tema dell’attendibilità delle fonti informative;
• attivazioni sulla comunicazione a distanza, l’uso dello smartphone e l’utilizzo dei social:
• attivazioni sulle abilità sociali, comunicative, assertive, …. .

Tali schede possono essere richieste all’indirizzo mail promozione.dips@ats-bg.it

Per Info: UOS Prevenzione delle dipendenze – DIPS, tel. 035 2270519 mail: promozione.dips@ats-bg.it

Condividi queste informazioni
  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • PDF
Questa voce è stata pubblicata in Iniziative territoriali e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *